CHI Siamo è Più Importante della Tecnica che Usiamo

Riflessioni al mattino. Il modo in cui comincio la giornata ha un effetto potente nel rendere speciale tutto il resto del giorno. È un rituale. Non riesco a osservarlo sempre, ma proprio per questo ogni volta ho conferma che mi fa bene e che fa bene a chi mi sta attorno: la mia compagna, i miei cani, i colleghi, i miei studenti, i vicini, i cani che incontro al parco. 

“Il mondo è lo specchio dell’anima”. Se la tua anima risplende è ben più difficile che gli altri rispondano male. Del resto quando stai bene è più facile che si manifesti il desiderio di far star bene anche gli altri. Questa attenzione gentile diventa palpabile per chi ci incontra, che risponderà più facilmente con altrettanta gentilezza.

Noto che cani, animali, persone hanno più piacere a starci attorno quando percepiscono il fondo di quiete nel quale dimoriamo. E ne ricevono anche una trasformazione.

Mi rattrista quando avverto che qualcuno non fa che addossare agli altri o agli eventi la responsabilità di come si sente. Ogni volta che amici o conoscenti mi hanno chiesto aiuto in questo, abbiamo insieme indagato sul modo in cui trascorrono il loro tempo. Incapaci di dire di no a cellulari e tv, la loro mente viene catturata e trattenuta sullo schermo e la loro anima si ammala. Togliere tutte le notifiche è un primo passo. Buttare via la tv o saltare il dopocena sul divano andando a letto alle 21:30-22:00 è un altro modo per riposare alla grande e svegliarsi presto per dedicarci al nostro buon risveglio e a quello di chi amiamo.

CHI siamo, interviene nella relazione col cane e con chiunque altro più di quanto faccia una tecnica. 

CHI siamo non dipende dal nostro nome e cognome, né dal nostro lavoro. Non siamo il nostro titolo lavorativo, né siamo i ruoli che ricopriamo. CHI siamo è tutta un’altra storia. E forse è una storia che meglio di chiunque altro può cominciare a raccontare il nostro cane.

Visita www.thinkdog.it per maggiori informazioni sull'educazione del cane

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento